background
HEADER
GIOCO NAME IMAGE

CONDIVIDI

Il Gioco - SOFTAIR

La Associazione Sportiva Dilettantistica United Forces Oristano è costituita con il solo scopo di praticare e diffondere la pratica ludico-sportiva del softair o wargame.
La Associazione è apartitica, apolitica e aconfessionale, non esistono discriminazioni di razza, religione, sesso o appartenenza politica, basta essere onesti giocatori.
La Associazione è iscritta al Registro Nazionele CONI delle Associazioni Sportive.

La Associazione e i suoi rappresentanti e componenti ripudiano ogni tipo di guerra.

Come in altri sport (scherma, box, lancio del giavellotto, caccia, tiro al bersaglio) il softair è una competizione uomo contro uomo, uomo contro squadra o squadra contro squadra.
Il campo di gioco è il territorio naturale, foresta, pianura o costruzioni non abitate.
Il giocatore di softair si abbiglia con la tenuta tipica degli eserciti, la mimetica ci aiuta a confonderci con il terreno, la buffetteria ci permette di portare al seguito i pallini, cibo e acqua.
Le protezioni per il volto sono OBBLIGATORIE, le altre, per il corpo, necessarie per non farsi male nelle eventuali cadute accidentali.
Il giocatore utilizza una ASG (Air Soft Gun) indispensabile per il gioco. Consiste in un giocattolo di forma e foggia simile alle armi, funzionante ad aria compressa di potenza massima di 1 Joule e proietta a distanza un pallino in plastica non colorante del diametro di 6 mm ha circa 25 grammi di peso. La ASG non pratica lesioni al corpo, gli occhi e la faccia devono essere protetti dalla maschera. Chi non si protegge non gioca.
I minorenni giocano con la presenza di un genitore o di un tutore che se ne assume la piena responsabilità.
Gli stemmi politici, i gradi e le mostrine militari sono vietate.
Ai principianti viene data la possibilità di provare il gioco, una loro successiva valutazione sul comportamento e onestà decreta la possibilità di iscrizione alla Associazione.

Principianti

Il Club U.F.O., ai principianti che vogliono provare il gioco, o comunque ai soci che non possiedono l'arma o l'equipaggiamento, affitta l'attrezzatura (fucile, pallini, maschera) necessaria per il gioco.
Cosi che, chiunque può provare almeno per una volta l'ebbrezza di un combattimento simulato attacco-difesa.

Il gioco della bandiera

Il gioco simula il combattimento in situazione di attacco e difesa; a tale scopo si ha la divisione dei partecipanti al gioco in due o più squadre.
Se al gioco partecipano due squadre, una si disporrà in difesa dell'obiettivo o degli obiettivi, e l'altra in attacco.
Se al gioco partecipano più squadre, tutte avranno un dispositivo in difesa e uno in attacco.
Le regole di combattimento vogliono che la difesa sia numericamente 1/3 dell'attacco, ma noi giochiamo benissimo anche dividendoci metà e metà.
Lo scopo del gioco è conquistare la bandiera avversaria e mantenerla nel proprio campo base per 15 minuti assieme alla propria. Oppure fare prigionieri tutti i componenti della squadra avversaria meno uno.
La partita dura 90' minuti, ed al via le due squadre sincronizzeranno gli orologi salvo previ accordi.
La bandiera deve essere ben visibile ad una distanza minima da terra da 1 a 2,5 mt., di Facile accesso e non legata.
Prima dell'inizio di una partita le squadre saranno seguite da una staffetta della squadra nemica fino al campo di prigionia.
All'inizio della partita la bandiera viene posta ad oltre 100 mt. dal campo di prigionia in un luogo sconosciuto alla squadra avversaria. (salvo previ accordi).
Se la propria bandiera viene persa e poi recuperata è libera. Essa può essere trasportata In qualsiasi direzione e sempre in vista. Attenzione in questa condizione non si può mai vincere, anzi quando una delle due squadre non è in condizione di attaccare e quella di evitare sistematicamente lo l'incontro, ed ha una delle due bandiere, perchè la partita sia giudicata patta deve portare entro il 90' minuto la bandiera al proprio registro. Se non si verifica questa condizione questa squadra ha perso la partita.
La propria bandiera può essere presa solo se è stata precedentemente toccata dalla squadra avversaria. Se si porta una bandiera viene fatto prigioniero deve dichiara subito il possesso della bandiera ed abbandonarla nei luogo dove è stato fatto prigioniero. Nella condizione di prigioniero non si può trasportare ne toccare le bandiere. Le bandiere devono essere sempre ed in ogni circostanza ben visibili.
La bandiera conquistata deve essere portata dove si trova la propria bandiera. A questo punto si fischierà per tre volte per l'avvenuta consegua e da questo momento si contano i 15' minuti per decretare la vittoria. Se la bandiera avversaria non è stata mai toccata, la bandiera avversaria le sarà affiancata. Se la propria bandiera è stata recuperata, le due bandiere dovranno essere portate per conteggio al proprio registro, questo è l'unico caso dove la bandiera può stare affianco ad esso. Se il tempo a disposizione non dovesse bastare si darà un bonus di 15 minuti, questo solo una volta che la bandiera è nel punto già prestabilito. Se una delle due bandiere durante il conteggio dei 15' minuti viene toccata dall'avversario, il conteggio inizia da zero, se si è nel bonus la partita è sempre patta.

Una squadra vince anche nei seguenti casi:
- non rispetto delle regole da parte dell'avversario
- se elimina tutti i componenti meno uno della squadra.
Se non si verifica nessuno di questi casi la partita è patta.

SEGUICI

FORUM

FACEBOOK

MAIL

Designed bySkyteo